Campionati del Mondo 2010

Philippe Gilbert, come nell' ultima Liegi, probabilmente è il più forte del gruppo, ma finisce vittima dei suoi ripetuti scatti, del vento e del percorso che consente recuperi al gruppo.
Corre sempre davanti, attacca ben tre volte in salita, a 40, 30 e 10 km dall' arrivo: si ritrova solo, con 20" di vantaggio a 5 km dalla meta, ma viene inesorabilmente risucchiato dal gruppetto dei migliori ai 2 km.

Così vince la volata Hushovd, rimasto sempre al coperto per tutta la corsa, rischiando anche di perderla, come quando a 80 km dalla fine era rimasto staccato dal gruppo dei migliori, assieme a un opaco Cancellara e a Freire.
Davanti infatti c'erano 32 corridori, con 5 italiani (tra cui Pozzato, Nibali e Visconti) e 4 belgi capitanati da Gilbert. 
A 40 km dall' arrivo Visconti e Nibali accelerano in salita, con risposta di Gilbert e Pozzato che lo marca a uomo: se ne vanno in 5, ma questa azione sgretola il gruppo dei 32, favorendo cosi' il rientro del gruppo di Freire-Hushovd-Cancellara.

Il giro successivo, a 30 km dalla fine, in salita Leukemans lancia l' attacco di Gilbert, con Pozzato a ruota: rimangono in tre, poi raggiunti da  Evans e Kolobnev, ma poco dopo rientra il resto del gruppo. Nel corso dell' ultimo giro Leukemans si ripete e Gilbert se ne va da solo; Kolobnev e Evans sono i più attivi nell' inseguimento, ma alla fine rientra il gruppetto dei migliori e la volata premia il norvegese.

03 Ott 2010