Quanto Costa Pedalare in Scia?

25 Gen 2011

Due ciclisti professionisti di taglia simile (185cm per 75kg) hanno percorso più volte un tratto di strada di 1 km a velocità diverse, una volta pedalando davanti (front) e la volta successiva in scia (draft) dell' altro. 

La figura qui di seguito mostra la differente potenza in watt richiesta pedalando in scia di un solo corridore: a 30 km/h il risparmio è di 60w, a 40 km/h sale a 120w, a 50 km/h addirittura 220w. 

È interessante notare come a 22-24 km/h il risparmio sia di circa 40w: vantaggio non trascurabile anche per le velocità tipiche della salita, corrispondendo infatti a circa il 10% di potenza per un ciclista che spinge 400w. 
Per un ciclista di piccola taglia un simile vantaggio è ancora più significativo, specie se pedala in scia di un corridore più alto di lui: 50w per un ciclista che sale a 320w rappresentano un risparmio del 15% circa. 
Dunque i ciclisti piccoli e leggeri sono avvantaggiati nelle tappe di montagna non solo per il minor peso in salita, ma anche dal fatto che pedalando in scia spendono meno dei corridori più pesanti. 

Un altro ciclista ha pedalato, da solo, per 1 km a 48 km/h, con una potenza media di 410w. 
Ha ripetuto lo stesso tratto di strada con una moto che lo precedeva di 15 metri circa: 385w medi, con un risparmio del 6%. 
Quando numerose moto di fotografi ronzano ripetutamente attorno al corridore in testa alla corsa, concedono questo vantaggio considerevole: è come se gli facessero una istantanea trasfusione temporanea di 1-2 unità di sangue...