HGH: Mito e Realtà

14 Apr 2011

La convinzione che l’ ormone della crescita HGH migliori le performance atletiche nasce dall’ osservazione che questo sia in grado di aumentare la massa magra e di ridurre la percentuale di grasso corporeo anche nei soggetti sani. 

Uno studio recente (Ann Intern Med 2010; 152:568-577) ha somministrato 2mg di HGH al giorno, sottocute per 8 settimane ad un gruppo di atleti amatoriali praticanti vari sport, di età inferiore ai 40 anni, confrontandoli, in doppio cieco con un gruppo di controllo. 

Il trattamento farmacologico in media ha effettivamente ridotto la massa grassa di 2.1 kg (pari al 3% del peso corporeo), ha incrementato la massa magra di 3.3 kg (pari al 4.7% del peso corporeo), mentre il peso corporeo è di conseguenza aumentato di 1.2 kg. 

Non si è verificato alcun miglioramento del VO2max, nella forza massimale isometrica, nel salto in alto da fermo, mentre la capacità di sprintare al cicloergometro per 30” di sforzo massimale è risultata migliore del 4% circa.

Gli Autori ipotizzano di conseguenza che il trattamento con HGH migliori il metabolismo anaerobico lattacido. 

Osservazioni: 

- il gruppo di atleti in esame è di modesto livello: VO2max = 3.2 L/min, pari a 45.7 ml/kg/min, poco allenato, mediamente con una % grasso corporeo = 23.2%. 

- la dose di HGH somministrata è tutt' altro che modesta (2mg corrispondono a 6 UI), pari a 6–8 volte la produzione media giornaliera di un giovane adulto sano. Infatti si sono manifestati frequenti effetti collaterali: dolori muscolari e articolari, forte sudorazione, parestesie. 

- il test al cicloergometro è stato aspecifico per la maggior parte dei partecipanti, che non erano ciclisti. Gli Autori osservano che un miglioramento del 4% potrebbe corrispondere a 0.4 secondi in uno sprint di 100m o a 1.2 secondi in una competizione di nuoto di 50m… 
Per verificare questa affermazione occorre valutare atleti di alto livello impegnati nel loro specifico sport: francamente simili miglioramenti non sono ipotizzabili. 

- la riduzione di massa grassa osservata nello studio si puo’ ottenere facilmente con una dieta adeguata, specie su atleti con una %grasso oltre il 20%, così come aumenti di massa magra si possono verificare con opportuni allenamenti e una dieta con un adeguato apporto proteico. 

Un attento lettore di 53x12.com (CM, United States) si domanda il perchè l’ uso dell’ HGH sia così diffuso nello sport, se i suoi effetti sulla performance sono molto dubbi. 
Cercherò di rispondere: 

- la convinzione (errata) che l’ HGH non sia rintracciabile ai test antidoping gioca un ruolo determinante nella decisione. 

- l’ HGH è un ormone molto potente, in grado di modificare il metabolismo e sicuramente induce in chi lo assume delle sensazioni (di forza, di “pienezza muscolare”), che però non è detto coincidano con un miglioramento delle prestazioni. 
Spesso chi lo assume ha un aumento degli attriti interni, con l’ effetto di sentirsi “bloccato”, che nel ciclismo induce ad usare basse cadenze di pedalata con lunghi rapporti e conseguente sovraccarico di muscoli e tendini. 

- se gli atleti che ne fanno uso verificano un miglioramento delle loro performance, questo è da attribuire ad un effetto placebo, corroborato dalla verifica di “sensazioni” soggettive e dalla maggiore determinazione che l’ atleta mette negli allenamenti, dieta, stile di vita, nella convinzione di avere messo in atto la migliore strategia per ottenere il miglior risultato.