Vicenda ASTANA

Mi vedo costretto, sebbene controvoglia, a smentire l’ ennesima BUFALA MEDIATICA relativa ad una mia presenza (“nottetempo”, o anche diurna) al raduno del Team Astana in quel di Montecatini (ci sono stato, mi sembra nel '94, a gustare le famose cialde) nel novembre dello scorso anno.

La notizia bomba dell’ “ombra nera di Ferrari“ è assolutamente FALSA e chi l’ ha pubblicata ne risponderà nelle sedi opportune: spero che lo squadrone kazako chiederà un risarcimento adeguato al danno subito.

L’ articolo della Gazzetta dello Sport, tra altre straordinarie confuse affermazioni, ribadisce che il sottoscritto vive tra Lugano e Ferrara: io da sempre vivo a Ferrara, da 26 anni allo stesso indirizzo, e a Lugano non mi sono mai fermato, né tanto meno ho uno studio o dimora.

Fino a qualche anno fa ho allenato alcuni atleti dell’ Astana, tra i quali Vinokurov: non è mai stato un segreto, non ci siamo mai nascosti, abbiamo frequentato località di allenamento dove erano presenti numerosi altri atleti, tutto alla luce del sole.
Curiosamente il Teide o St. Moritz, allora definite località “sospette” dalla stessa UCI, sono oggi state “sdoganate” e meta richiestissima di ciclisti e squadre al di sopra di ogni sospetto.

08 Dic 2014